14463121_609846572518849_531957260273614264_n

Il castello Imperiali di Francavilla Fontana, è una costruzione a metà tra una fortezza e un palazzo gentilizio (castello-palazzo). Quello che si può osservare oggi è il risultato di una serie di modifiche che si sono susseguite già dal XV secolo.

Il castello è originariamente una fortificazione periferica del feudo di Oria. La costruzione del castello risale al 1450 circa, quando Giovanni Antonio del Balzo Orsini impose alla popolazione la continuazione delle mura concesse da Filippo I d’Angiò e in più la costruzione di una castello merlato “da sostenere qualsiasi assedio”. Più che un castello, inizialmente esso era una torre quadrata bastionata dotata di fossato e ponte levatoio.
Intorno al 1547 la fortezza fu ampliata e modificata dal duca Giovanni Bernardino Bonifacio, l’eminente umanista che aveva ereditato i feudi di Francavilla e di Oria dal padre. Il castello accentuò la sua funzione di fortezza con ulteriori opere di fortificazione di architettura rinascimentale.
Il castello è anche detto palazzo Imperiali, dal nome dei feudatari che acquistarono il feudo di Francavilla nel 1572. Michele Imperiali decise di trasformare la fortificazione in residenza (tra il 1720 ed il 1730). Nel 1739 Michele junior lo fece isolare, facendo demolire un muro ed alcune botteghe dal lato nord e demolendo archi e colonne che sostenevano un pergolato sul portone d’ingresso. Alla morte di Michelino (1782), mancando gli eredi, il palazzo fu incamerato tra i beni del regno come proprietà feudale, ma l’erede designato da Michelino, Vincenzo Imperiali di Latiano, dopo aver intentato causa al Regio Fisco ottenne il titolo di principe di Francavilla Fontana, ereditando dal castello anche gioielli, mobili, arredamento, libreria, attrezzatura del teatro.
Durante la seconda guerra mondiale nel secondo piano del castello furono accasermati dei reparti militari di transito, e tra quelli: il 67º Reggimento fanteria “Legnano” (che sarebbe partito per la Libia), il 139º Reggimento, reduce dalla Grecia e la Legione CC.NN. “Val Bradano”
Il Castello è stato da poco restaurato. Santa Claus ha voluto che questo immobile diventasse la casa europea di Santa Claus.

Santa Claus Italia